Album

cropped-mov104le

CHEROSENE – Solo fiato e vapore (2018)

sei disegno di un viso mentre nevica
soltanto fiato in un vetro opaco

​io con te, io non affogo più
ma trovo ostico ostentare soddisfazione

​siamo anime dismesse, rotoliamo sul selciato
come facili promesse, il nostro cuore è giudicato
(come to station…)

(I won’t do ever, would you see, come in and find out
coming in from the sea, the healing
come in and find out
guess up ..)

siamo anime dismesse, rotoliamo sul selciato
come facili promesse, il nostro cuore è giudicato

Non è ciò che vuoi?
Non è ciò che vuoi

Se distogliamo gli occhi
se incrociamo il nostro sguardo
se rimaniamo muti
se non parliamo affatto

Se il nostro sorriso è falso
Se siamo un po’ vigliacchi
se siamo vittime di noi stessi
è solo perché siamo dispersi
siamo dispersi
dentro noi stessi

Ciechi negli occhi, ciechi nei cuori
ciechi dagli occhi jack di cuori
jack negli occhi, jack nei cuori
jack negli occhi e jack nei cuori

(finirà, questo tempo o non finirà…
finirà questo tempo è solo un’attimo.. )

Se siamo angoli ombrosi
Se siamo tutti vigliacchi
Se siamo chiusi dentro, per quanto ci atteggiamo fuori
non è forse vero?
non è forse vero?
non è forse vero?
non è forse vero?

CHEROSENE – Pensiero Urbano (2017)

inconsapevolmente perdenti
fermi immobili
irrimediabilmente instabili

pensa lentamente
mastica piano
un pensiero urbano

trovo molto strano
esser lento esser vago
Stare fermo a pensare
Cosa stanno ad annunciare

portami un po’ in giro
non c’è un tempo per fermarsi
scorrono lente e liquide
le macchine della mia città

olio benzina e cherosene
chi ti vuole non ti ottiene

è una strana sensazione
l’assassino osserva le sue prede
apre impavido il cuore di corallo
gli occhi rossi commossi e sviene

sfila il guanto di lattice
distende le sue dita
strofina il polso al suo naso
e dopo sputa alla sua vita

e’ questione di pratica
come scendere in salita
essere dopo esser già stato
averti adesso che è finita

Non so cosa vuoi sentirti dire
Sai cosa vorrei sentirti dire
Sai che cosa vogliono sentirsi dire

 

 


LOGOSPINNUP

 

Album di esordio per gli stereopinto, il punto di partenza e di arrivo del sound un po’ indie e un po’ rock del gruppo siciliano.

Niente impegno sociale, o ricerche stilistiche. Soltanto visioni oniriche e suggestioni psichedeliche, in una calma apparente, quasi ad esorcizzare la vecchia origine punk rock.

Naso Freddo

Lyric:
Ricordi era un venerdì di sole tiepido
di un febbraio di un vento sottile e di un freddo tagliente
e noi cercavamo un riparo sicuro incuranti di tutto e di niente lontano dalla gente

io e te
si parlava di tutto quel che passava in mente
delle piazze vuote e delle distanze che ci allontanano
delle donne svestite smagrite che non mostrano niente
e di chi dovrebbe perdere peso e invece indossa camicie strette e fuseaux

E tu, e il tuo naso freddo che sfiorava la mia spalla nuda
tra i detersivi e il sapone Marsiglia del ripostiglio di tua nonna Aurora

Naso freddo Mirtillo
tra uno sputo e uno sbadiglio
siamo in tanti e siamo soli
siamo grandi solo fuori
…ma è per dispetto che lo fai

cerco un legame che sia saldo tra di noi, lo vuoi?
piu mi avvicino e più ti perdo non ti raggiungo mai—
cerco un legame un po’ più fermo tu lo vuoi o no….?
più mi avvicino e più ti perdo non ti trovo mai…. ormai …

tuttavia, è così facile contemplare la vita degli altri
e non la mia, che si consuma di giorno in giorno aspettanto qualcosa d’importante
che tarda arrivare
o che c’ha sfiorati già ed è volata via

Ed io, non ho mai saputo cogliere
l’essenza degli istanti veramente importanti,
di quelle secchiate di vita
che esposte al sole di autunno asciugarono in fretta,
Troppo in fretta

naso freddo mirtillo
sono morto o sono sveglio
non c’è un oggi né domani
siamo salvi se rimani
…ma è sempre meglio se lo sai

cerco un legame che sia saldo tra di noi, lo vuoi?
più mi avvicino e più ti perdo non ti raggiungo mai
cerco un legame un po’ più fermo tu lo vuoi o no….?
più mi avvicino e più ti perdo non ti trovo mai…. ormai …

Di Domenica

Lyric:
.. disteso e sereno
non mi sollevo su

morti di solitudine
nei pomeriggi d’agosto guardando sport in tv
la gente si muove
nelle balere tristi di un tempo che non tornerà piu

se mi piace sentirti ti avrò all’istante ..
ti cercherò in una canzone pop

non trovo sollievo
dalle notifiche sul mio smartphone

solerte a cercare nei miei pensieri
uno stimolo maggiore di ieri
ma fatico a spostare ogni mio passo
giornate intere buttate nel cesso

se mi piace sentirti ti avrò all’istante
mi piaci … ti ascolto dentro il mio ipod

non trovo sollievo
dalle notifiche sul mio smartphone

Pomeridiana

Lyric:
Cosa c’è che non va
sbaglia impara e dimentica
sigarette calpestate di un pomeriggio triste

cosa c’è che non va
rendo poco ma non trovo qua una continuità
la noia mi svilisce…

faccio pena assai
non lo sai?

come mai?
Non sei uscito
esami sottosopra
sotto esami, sotto esami, esami, pensami, pensami, pensami

come mai sei ancora in infradito
fa caldo troppo caldo
ma ho freddo dentro al cuore
ripassa domani
domani domani…
ripassa domani…

Classe 77

Lyric:
mi dispiace ma non trovo pace
fuori dai miei cliché
io ci provo ma mi appare tutto fragile

mentre prendo tempo, tra sigarette e caffé
per somatizzare il mal di vivere

in macchina in radio a casa alla tv
si parla troppo, non ascolto più
in macchina in radio a casa alla tv
si parla troppo, non ascolto più

siamo nati già fregati
siamo nati già fregati
(eppure era semplice!)
siamo nati già fregati

be be becks prendi un’altra becks
be be be dammi un’altra becks
be be be bevi un altra becks
be be be bevi un’altra bechs

cos’hai cosa vuoi
credevo fosse più semplice

troppo rigidi nelle opinioni
mangi male ti nutri di illusioni
parliamo di cose inutili e banali
per scorrere i giorni lenti e sempre uguali

ti ammazzi sui libri e il tempo èimmobile
farnetichi frasi da ripetere
ti ammazzi sui libri e guardi la tv
parli da solo per non pensare più

siamo nati già fregati
siamo nati già fregati

be be becks prendi un’altra becks
be be becks prendi un’altra becks
be be be bevi un’altra becks
be be be ciccio un altra becks

tuo padre sostiene che fa sacrifici
quando va al ristorante con i suoi amici

ha dato tutto e tutto vuole dare
la macchina il telefono e dieci euro per uscire
per mangiare la pizza e comprarci il fumo
per farti la ragazza e portarla in un buco
ma è chiaro e lampante ed è fuori questione
ci hanno masticato e sputati in un bidone

la classe del 77 e anche quelle appresso
l’hanno bruciata e gettata nel cesso

Gauguin

Lyrc:
Sei un pensiero sottile che solletica il mio umore nero
ho un posto vuoto nell’anima mia vuoi condividerlo?
… se ne hai voglia adesso
puoi rifletterti in un quadro di Gougain
ti muovi in spazi esotici in america del sud

ho promesso di liberare in cielo
ogni fiore forte e impavido che è stanco e ormai declina il capo in giù

tutte le promesse che hai custodito nel tuo cuore fragile
come fiori si schiudono svampite ed esigono il loro prezzo per ritornar da te

per tanto tempo abbiamo camminato
cercando solo il modo di sopravvivere

come un vecchio eroe custode del coraggio
che all’imbrunire si muove verso il mare e scompare dentro al blu

la verità è che non sono di questo posto
hanno tirato giù tutte le stelle
cerco dentro il mare più profondo
ho perso i miei colori nella polvere

la verità è che non sono di questo posto
hanno tirato giù tutte le stelle
guarda nello spazio più profondo
ho perso i miei colori nella polvere

Non essere Niente

Lyric
Cosa aspettiamo a stringerci
a cercarci… senza nascondersi

basta uno sguardo… per cominciare a viversi
per non perdersi..

con me non devi essere
tu con me non devi essere
con me non devi essere niente

comunque vada
in due non si è mai soli
e il silenzio non può vincerci

mi fai stare bene, anche se sto male
voglio che sia normale
che tu ci sia
che tu non sia solo nei miei pensieri
che io ti vedi
che sia oggi o domani
che io stringa le tue mani
che sia presto

Ormai
che comincia a imbrunire
i tuoi occhi brillano di un altro colore
nessuna ansia nessuna agitazione
non abbiamo niente da dire
ma sento forte l’anima ridere …

non eravamo andati a scuola
questa stagione… ci chiama a vivere
e questo, questo … è un giorno speciale
ha una luce che non potremo mai dimenticare

Red Arrow

Lyric:
I wanna sit on someone’s
my legs around their waist
my head in their neck
and give soft kisses

i wanna meet you …or not

guardo me stesso
nello stupore nervoso
nel mio riflesso
dove sei?

i wanna meet you..

Non avrai più

Lyric:
Non siamo più….
solo una storia che sfiorisce
Ammettilo. Resta nell’aria il tuo veleno
Degli ultimi confronti
per le parole spese male
Dei graffi al cuore e nella schiena
Ammettilo.

Non vedrò più
Te che mi parli delle amiche
Mentre giochi con le dita
O con l’elastico pastello
Con cui legavi i tuoi capelli
Che ti scopriva il collo bianco
Troppo dolce da baciare
Con il naso sprofondavo
Annegando nel profumo

lei ancora non lo sa
che qui da me, piove ormai da giorni
lei ancora non lo sa
che io per lei
non esco più da giorni

Stiamo perdendo tutti i dettagli
tutto di noi
tutto di noi

non avrai più
la mano mia leggera, che sostiene la tua guancia
nessuno più
a rincorrerti ridendo
col mercurio cromo
…disinfettiamo la ferita
mentre fuggi via
ridendo e piangendo insieme

Come Stai

Lyric:
Va bé…
sono sono strano
rido salto e ballo e mi commuovo
trovo confortante
quando al mattino
aprendo gli occhi mi scopro vivo

e se son solo che cosa importa
in ogni muro c’è sempre una porta
se guardo oltre la siepe dell’orizzonte
vedo il mondo un po’ più grande

Tu come stai? sei come me o un po’ più in là?
…Fantastico